UNO SCORPIONE SPUNTATO

Oggi inizia il processo

di Kat Farrell 

MacDonald “Mac” Gargan, meglio noto come il micidiale criminale meccanico Scorpion, è stato finalmente arrestato dalla polizia, con il contributo decisivo dell’eroico Spider-Man. È tutto pronto per il processo di uno dei più velenosi fuorilegge di sempre, sul cui pungiglione pendono numerosi capi d’accusa, tra cui tentato omicidio e sequestro di persona.

Sebbene questo pericolo pubblico sia noto per essere tanto letale quanto silenzioso, il procuratore federale non sembra intenzionato a demordere: domani l’accusa punterà a fare pressione su Gargan affinché riconosca i propri crimini.

Qualunque linea difensiva scelga di adottare Gargan di fronte alla sua lunga lista di capi d’imputazione, una cosa è certa: Scorpion si è già assicurato un biglietto di sola andata per il penitenziario di massima sicurezza del Raft.

 
 

IL SINDACO DI TUTTI

Percentuali di gradimento record per il sindaco Osborn

di Ben Urich 

Gli ultimi sondaggi sul tasso di popolarità del sindaco Norman Osborn mostrano che la sua luna di miele con i newyorchesi non è ancora conclusa. Un risultato che non giunge inaspettato, soprattutto alla luce della dedizione con cui il primo cittadino ha lavorato per migliorare la nostra città.

A differenza dei predecessori, il sindaco Osborn ha mantenuto gran parte delle sue promesse, dal programma di ricerca ambientale al sistema di monitoraggio della criminalità su scala urbana, solo per citare due delle iniziative più apprezzate.

L’amministratore delegato della Oscorp ha dimostrato non solo notevoli capacità come amministratore pubblico, ma anche di saper tener fede agli impegni assunti. E con i cittadini schierati in massa dalla sua parte, sembra che il sindaco Osborn disponga del consenso necessario per continuare su questa linea.

 
 

UNA CURA PEGGIORE DEL MALE?

Sirene straniere per una città in balia della criminalità
editoriale di Jacinda C. 

Nonostante il sistema di monitoraggio della criminalità varato dal sindaco, sembra che il municipio sia in trattativa con la Sable International, l’agenzia di sicurezza della Symkaria guidata da Silver Sable. Si fanno sempre più insistenti le voci su un possibile accordo per portare in città le sue guardie, che sarebbero chiamate a “sostenere” le forze dell’ordine locali.

La Sable International deve la propria notorietà agli interventi che ha condotto in diversi paesi europei minacciati da criminalità e disordini sociali interni. Tuttavia, l’organizzazione ha subito accuse preoccupanti per il suo stile non ortodosso, tra cui l’uso di metodi intimidatori e la completa inosservanza delle linee di condotta delle forze dell’ordine locali.

Siamo sicuri che i nostri livelli di criminalità siano tali da richiedere simili soluzioni? Il nuovo sistema di monitoraggio voluto dal sindaco non è ancora entrato a pieno regime. Le autorità dovrebbero concedergli una chance, prima di affiancare pericolose e imprevedibili forze straniere alla polizia di New York.

BON VOYAGE, HARRY

Harry Osborn si trasferisce all’estero per gestire la Oscorp
di Betty Brant

Dopo le forti pressioni delle autorità cittadine, il sindaco Osborn ha finalmente annunciato di voler lasciare la Oscorp... ma solo al di là dell’oceano. Nel corso di una conferenza stampa, il primo cittadino ha annunciato che non si occuperà più degli affari esteri della Oscorp, nominando come suo erede il giovane figlio Harry Osborn.

La nomina di Osborn era attesa da tempo. Subito dopo aver conseguito la laurea con il massimo dei voti alla Empire State University, il giovane Osborn ha rilanciato con successo il progetto dei laboratori di ricerca ideato dalla defunta madre.

Il nuovo ruolo di Harry Osborn lo vedrà gestire tutti i progetti e le filiali europee della Oscorp. Come newyorkesi sentiremo senz’altro la sua mancanza, ma siamo convinti che il suo talento gli consentirà di rendere il resto del mondo un luogo migliore.

 
 

MILLENNIAL IN PERICOLO

Il caro affitti è una doccia ghiacciata per chi sogna la città
di Mary Jane Watson

I neolaureati si scontrano con l’ennesimo aumento del costo della vita. Come avevamo già scritto in precedenza, mentre i prezzi folli raggiunti dagli affitti soffocano i giovani professionisti, sono in molti a individuare nell’incoscienza di Spider-Man la causa del forte impatto sul mercato. Ma perché nessuno cita i veri fattori destabilizzanti, ovvero gli psicopatici mascherati da cui lui ci ha difesi?

Spider-Man ha sconfitto uno dopo l’altro tutti i criminali in costume che hanno dichiarato guerra a New York, portando distruzione nelle strade. Se otto anni fa non fosse emerso il lancia-tele, a quest’ora staremmo piangendo la scomparsa della città e non l’aumento dei suoi affitti.

Tra l’altro, lo skyline è in continuo rinnovamento, grazie al lavoro instancabile del colosso edile Wilson Fisk. Fisk ha ricostruito dalle macerie praticamente ogni angolo della metropoli, inclusi i quartieri un tempo più piccoli ed economici. Di conseguenza, non deve stupire che i millennial, già oberati dai debiti, fatichino a restare a galla.

Un tempo, New York era la meta ideale per giovani carichi di entusiasmo e aspirazioni. Oggi, mentre il caro vita continua la sua folle corsa, i sogni di un’intera generazione rischiano di restare chiusi in un cassetto.

 
 
 
 

I DEMONI DI CHINATOWN

Teppisti mascherati seminano il caos
di Ben Urich

Strano ma vero, una nuova banda sta terrorizzando una città già ostaggio del crimine, e il Daily Bugle è il primo a fornirvi i dettagli emersi sull’ennesima minaccia.

Agghindati con completi neri e terrificanti maschere cinesi, questi “demoni eleganti” sono già diventati un incubo per i cittadini. Sebbene non esistano informazioni ufficiali sulla loro provenienza, sembrano aver scelto Chinatown come quartier generale. Dobbiamo pensare che il crimine internazionale stia colonizzando la città?

Mentre gli abitanti della zona non nascondono i propri timori, il miliardario filantropo di New York, Martin Li, offre un punto di vista differente. “Le organizzazioni di questo tipo puntano ad arricchirsi in fretta. Gli abitanti della zona non hanno grandi disponibilità, soprattutto chi si rivolge ai rifugi F.E.A.S.T. Se sono venuti qui per il denaro, temo resteranno delusi”, ha concluso.

Sebbene le dichiarazioni di Li siano condivisibili, molti cittadini si chiedono quanto a lungo potranno contare sui propri risparmi prima che questi rapinatori mascherati infilino le mani nelle loro tasche, letteralmente.

 
 
 
 

CONDIVIDI IL NUMERO 4

 
 

© 2018 MARVEL

 
 

Numeri del Daily Bugle